Una bambola con gli occhiali

una bambola con ...Una bambola con gli occhiali, di Mariacristina Cesa, è un libro bello, anzi superbo, nel quale ci scorrono davanti tre generazioni con i loro conflitti, i loro affetti, le loro, a volte incontrollabili, emozioni.
Una storia apparentemente semplice che nasce da una bambola appartenuta a una vecchia signora, una bambola che risveglia i ricordi di un artigiano e il desiderio intenso ma sopito di un padre di fare parte della vita della figlia, ritrovando così un equilibrio d’animo che pensava ormai impossibile.
A fare da cornice una Roma di altri tempi con i suoi colori, i suoi odori e il suo dialetto trasteverino, una Roma talmente reale e viva nelle parole dell’autrice che sembra quasi di poterla respirare a pieni polmoni. E una vicenda che è tra le pagine più tristi che la storia abbia mai dovuto scrivere, quella della Shoah. “Una bambola con gli occhiali” e’ un libro dove non si cerca la parola d’effetto ma dove ogni singolo vocabolo e’ sapientemente scelto dalla Cesa per la sua immediatezza e la sua capacità di comunicare con semplicità.
È’ un libro che si legge tutto di un fiato, con avidità, quasi da protagonisti perché in fondo tutti noi siamo alla ricerca di “una bambola con gli occhiali”, di gesti e emozioni semplici, forse irrimediabilmente persi nella complessità di una vita inodore e in bianco e nero.

Maria Cristina Neri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *