23 dicembre

Siamo arrivati quasi alla fine dell’Avvento dei libri e gli ultimi due giorni che ci restano prima del Natale sono più intensi, due consigli terapeutici al giorno!

Oggi, 23 dicembre, i nostri ospiti sono la scrittrice e blogger Grazia Lodigiani, e la mia collega di lavoro Monia Mariani. I lettori di My Therapy lo dovrebbero ben sapere dove lavoro, in quel luogo meraviglioso e colmo di ispirazione, che oso persino parzialmente maledire nei giorni infuocati di ferragosto, ma che è il mio vanto e d’inverno manca come manca la poesia, il bosco, la perfezione dell’armonia tra natura e uomo. Questo luogo qui:

cascata

 

 

 

 

Torniamo al nostro Avvento dei Libri.
La prima ospite è Grazia Lodigiani, autrice dell’interessantissimo blog towritedown.com, e scrittrice che ha pubblicato alcuni racconti, Fermata Tre Torri (in “Respirare parole”, Marcos y Marcos), Giri di Valzer (in “Racconti di fiume”, casa editrice Pontegobbo), Dondolare (in “La venticinquesima ora” in uscita a febbraio).

l libro che ci consiglia è:

Mal di pietre, Milena Agus (Nottetempo)

Mi piace consigliarlo a chi non smette mai di tessere la propria vita come un romanzo.
Grazia

Ecco il link per chi fosse incuriosito e volesse acquistarlo:

Secondo consiglio di oggi, 23 dicembre. La mia collega, Monia Mariani, che ama la montagna, i cani e i libri, ci consiglia:

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve di Jonas Jonasson.

E’ un libro ironico e divertente, dove le parole scorrono in maniera ritmata ed è difficile smettere di leggere, Un libro che si legge tutto di un fiato e col sorriso sulle labbra.
Alla casa di riposo dove Allan è ospite tutto è pronto per i grandi festeggiamenti.Ma Allan decide di passare in maniera diversa il suo centesimo compleanno: scavalca la finestra e, in pantofole, se ne va. Ed inizia un viaggio ingarbugliato. Ed il viaggio diventa un’avventura surreale che Allan vive con una normalità disarmante. Una valigia, strani incontri, imprevisti e malintesi, fortune e sfortune trasformano questo viaggio nell’avventura forse più importante della sua vita!
E Allan è un esperto di avventure, e di incontri straordinari e improbabili.
L’avventura di oggi si alterna al racconto del passato di Allan. Personaggi incredibili e storie che entrano nella storia del Novecento. Storie che fanno il giro del mondo e poi ritornano. Dalla Svezia alla Spagna, alla Russia, alla Cina, all’Iran, passando per l’Himalaya. E ancora, ancora.

Monia

I miei bimbi hanno quasi finito di mangiare cioccolatini, hanno trovato nel calendario dell’avvento la parola è,  e una poesia triste ma realista, tanto per non perdere di vista il fatto che, mentre noi siamo qui a festeggiare, pieni di cioccolatini e di regali, in parecchie parti del mondo altri bambini fanno esperienze di privazione, di paura, di solitudine, di guerra.
Lucia e Simone festeggiano.
Ma io non voglio che dimentichino i bambini di Aleppo.

Se questo è un uomo
Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi alzandovi;
ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.
Primo Levi

A domani con il doppio consiglio letterario di Arnaldo Casali!

Giuliana