La grande bellezza. Film terapia

lagrandebellezza
Sdraiata a letto con lo sdoppiatore di cuffie attaccato all’I-pad.
Il silenzio tipico della notte accompagna me e mio marito nella visione di un film che scelgo io.
Niente spari o ammmericanate o galassie atomiche.
La grande bellezza.
A dirvela tutta ho perso qualche pezzo, morta di sonno come sono.
A dirla tutta è uno di quei film di cui non saprei raccontare la trama, poco lineare, piena di salti di tempo e luoghi, discontinua e disseminata di svenimenti, qualche morto e donne nude.
Eppure ha saputo toccare qualche corda profonda, sepolta.

Ho cercato tutta la vita la grande bellezza e non sono riuscito a trovarla“.

Mi sembra di aver sentito parlare la mia anima perennemente insoddisfatta, che pure sa bene dove si nasconda la Bellezza e la Perfezione.
Nelle radici, nel sentimento, nella memoria.

Resto con una certezza incrollabile, per quanto la decadenza ci minacci nell’animo e nei luoghi di vita, Roma resta di una bellezza “da infarto”.
Resto con un unico, grande inconsolabile rimpianto.
Jep non esiste, non è reale, è solo un meraviglioso personaggio, pieno di fascino e indimenticabile bellezza.

Sono un gentiluomo: è l’unica certezza che ho” (Jep Gambardella)

My Therapy Official Page