Correre con il cane

biagiocorreTi ho cantato a squarciagola “ti porto via con me ribalteremo il mondo”.
Bene, diamoci da fare.
Le nottate sono preda dei dentini che faticano a spuntare, nelle giornate rimbalzo tra urla, capricci, abbai, pianti …
Di correre non c’è tempo, spazio, voglia, ehm ehm.
Dunque che si fa, si soccombe a questo stato d’animo misto di malinconia, insofferenza, frustrazione, stanchezza d’animo?
Non soccombiamo.
Smetti di bucarci tutti i vestiti e fai una cosa utile, piccolo cagnolino di pochi mesi dai muscoli forti e scattanti, esci a correre con me!
Lo so, sei un cucciolo di cane e non posso farti percorrere dieci chilometri (anche perché è lontanissima la mia forma fisica che li faceva correre a me, ora la forma è molliccia e rotonda, come lo stato d’animo).
Allora passeggiamo.
Uh bello!
Camminare è sempre stata una mia passione, poi è sopraggiunta la corsa e m’ha drogata.
Torno a camminare e, con la scusa di allenare il mio cane, faccio meno fatica.
Silenzio e fresco mattutino, i luoghi che amo, tu che smani per correre e allora dai, corriamo! Ti stanchi, sei piccolo, ma si vede che ti piace!
Un cane ci assale alle spalle, ti tiro su al volo col guinzaglio in tiro, sei in braccio, ma tu smani e allora dai, muovi le tue zampe lentigginose!
Portami via con te, forza.
Portami via dai miei pensieri negativi, dalle fatiche sembra mai ripagate, da quest’incertezza di futuro, da questa estate appena accennata, da questo sole poco pronunciato.
Fai il tuo lavoro di cane, piccolo terribile cucciolo che gioca a mordere i miei figli come fossero i fratelli, piccola tempesta che almeno non vuole essere il sostituto di nessuno, diverso come sei.
Fai il tuo lavoro di cane, strappami sorrisi e tirami giù dal letto!
Poi senti, adesso fa caldo e siamo apposto, ma ho trovato un’azienda che produce capi tecnici per cani sportivi, ti scaldano morbidamente e ti proteggono, ci sono giacche invernali, giacche ultimate, tute outdoor, tute in microfleece (e che diamine è), tute impermeabili con slogan “massima protezione contro lo sporco”, giacche impermeabili “per cani con manti lunghi e soffici”, poi c’è anche la giacca cooling se tante volte è caldo, e il porta bocconcini mini o junior, la cintura da running (per me o per te? Non ho capito!), la ciotola acqua travel o folded, e poi la mia preferita, la mantella twilight, che protegge dalla pioggia e fatta di un materiale che aumenta la visibilità del cane in condizioni di luce scarsa, non è finita, reggiti forte, le ghette di sicurezza, la bandana di alta visibilità, e tanta altra roba, non manca ovviamente l’abbinamento di colori con l’umano di riferimento e un fantastico guinzaglio per correre.
Insomma, in via indiretta mi ha strappato un sorriso.
Bravo Biagio, immaginarti con la tuta, le ghette e una bandana mi ha rischiarato la giornata!