19 dicembre

Cristina Lattaro, scrittrice e socio fondatore dell’Associazione Amarganta

scrittura creativadi Rieti, ci consiglia il libro terapeutico di oggi, 19 dicembre:

 

Il profumo (Das Parfum – Die Geschichte eines Mörders) di Patrick Süskind.

Nonostante si parli di un serial killer, mi ha fatto pensare al mondo degli odori e mi ha fatto scoprire un mondo sensoriale parallelo. Nessun odore e’ stato piu’ come prima, e scoprire questa cosa all’improvviso mi ha regalato un valore aggiunto!
Cristina Lattaro.

 

Oggi i miei bimbi hanno trovato una parolina piccola piccola dentro al loro Calendario dell’Avvento (DI) e un breve pezzo di Thich Nhat Hanh, tratto da “La pace ad ogni passo“.

 

IL CIELO ERA NEL SUO CUORE DA SEMPRE

C’era una volta un bel fiume che scorreva tra colline e boschi. All’inizio era un gaio ruscelletto, uno zampillo giocoso e canterino che scaturiva rapido dalla cima del monte. Allora era giovane, ma quando scese in pianura rallentò. Pensava al momento in cui sarebbe arrivato all’oceano. Col tempo, crescendo, imparò a farsi bello, serpeggiando con grazia fra colline e praterie.
Un giorno si guardò e vide riflesse dentro di sè le nuvole, nuvole di ogni forma e colore. Per giorni non fece altro che rincorrerle. Voleva una nuvola tutta sua per tenerla sempre con sè. Ma le nuvole passano nel cielo senza fermarsi mai e cambiano forma continuamente. L’impermanenza connaturata alle nuvole faceva soffrire il fiume. Il piacere e la gioia che provava a rincorrerle svanirono, e non vi fu che disperazione e rabbia. Un giorno un vento impetuoso spazzò via tutte le nuvole. Il cielo restò completamente vuoto. Il fiume pensò che non valesse la pena di vivere, dal momento che non c’erano nuvole da inseguire. Era pronto a morire. Quella notte il fiume ascoltò se stesso per la prima volta. Era stato così occupato a inseguire qualcosa di esterno che non aveva mai avuto il tempo di guardarsi. Quella notte fu la sua prima occasione di ascoltarsi piangere, di ascoltare il rumore dell’acqua che batteva contro le rive. Prestando ascolto alla sua voce fece una scoperta importante. Capì che quello che aveva tanto cercato era già dentro di sè. Scoprì che le nuvole non sono altro che acqua, che nascono dall’acqua e all’acqua fanno ritorno. E scopriì di essere acqua anche lui.
Il mattino seguente al sorgere del sole vide per la prima volta il cielo azzurro. Non lo aveva mai notato. Interessato com’era alle nuvole non aveva mai fatto caso al cielo. Allora capì che quel cielo immenso dimorava nel suo cuore da sempre. Nel pomeriggio le nuvole tornarono ma ora non gli interessava più possederle. Poteva ammirare la bellezza di ciascuna e dare il benvenuto a tutte. Quando arrivava una nuvola, la salutava con premurosa gentilezza, quando una nuvola andava via con la stessa gentilezza le diceva allegramente arrivederci. Quella sera accadde un fatto magico. Quando il suo cuore si aprì ad accogliere il cielo della sera, il fiume ricevette l’immagine della luna piena, bella e luminosa come un gioiello. Non aveva mai immaginato di poter ospitare un’immagine tanto bella dentro di sè.

Thich Nhat Hanh

A domani con l’Avvento dei libri e il consiglio terapeutico di Maria Cristina Neri!

Giuliana

Se volete acquistare Il profumo su Amazon, cliccate qui: