Jane Eyre

janeeyre
Jane Eyre è un romanzo scritto da Charlotte Brontë in forma autobiografica e uscito nel 1847.

E’ la storia di un’orfana dalla vita difficile, affatto benvoluta dalla zia che le fa da tutore, finita in un collegio per orfane povere, sola al mondo, ma dall’animo indipendente e dal cuore puro e onesto.
Un grande personaggio, insomma, che quanto a bellezza è forse da meno della cara Elizabeth di Orgoglio e Pregiudizio, ma non quanto a intelligenza e forza d’animo.

Jane Eyre è una grande storia d’amore, con colpi di scena e spaventi da sembrare a tratti un thriller, lunghe e dettagliate descrizioni che fanno letteralmente piombare il lettore nell’Inghilterra di metà Ottocento, grazie a un linguaggio delicato e antico che descrive modi e gesti d’altri tempi.
E’ un romanzo-capolavoro per chi ha bisogno d’amore e di evasione, rapisce letteralmente e regala un’emozione forte nel finale, perché ciò che conta per la libroterapia è regalare un pizzico di fiaba e di sogno da trasferire dal libro alla quotidianità.
Alti sono i costi e le fatiche per il raggiungimento del lieto fine, il quale è intenso e è segno comunque che vale la pena arrancare in questa vita in cerca di amore e indipendenza, guidati da onestà e purezza.

Giuliana

Del resto, cos’è un palmo? Il destino non è scritto lì. E’ in faccia: sulla fronte, intorno agli occhi, negli occhi stessi, nelle pieghe della bocca“.

Emozionatevi un po’ guardando la dichiarazione di Rochester a Jane!
Jane Eyre, la dichiarazione

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *