Emma

Emma Woodhouse, bella, intelligente e ricca, con una casa confortevole e un buon carattere, sembrava riunire in sé alcune delle migliori benedizioni dell’esistenza, ed era al mondo da quasi ventun anni con pochissimo ad affliggerla o contrariarla.

Comincia così il romanzo Emma, di Jane Austen, pubblicato per la prima volta anonimo nel 1815 e, come ogni incipit ben fatto ci illumina sulle caratteristiche della protagonista, persino l’autrice disse: “Sto per descrivere un’eroina che non potrà piacere a nessuno, fuorché a me stessa”.

Emma è un personaggio che in linea di massima non piace, viziata, snob, piena di sé, pensa di aver facoltà di giocare con i sentimenti delle persone, ha deciso di non sposarsi mai, ma intende combinare i matrimoni che dice lei, tra chi dice lei.

Eppure alla fine del romanzo siamo disposti a perdonarla, un po’ perché quel che intende fare è solo a fin di bene e conseguenza delle sue inesauribili fantasticherie, un po’ perché diventa consapevole dei suoi limiti e cerca di rimediare, un po’ perché sappiamo che non è colpa sua, lei è sempre stata la prediletta di papà e non è stata mai messa in discussione, l’unico che l’ha sempre fatto sempre è colui che poi la salverà, colui che l’ha sempre amata, Mr Knightley, “spirito irremovibile, a cui non interessavano sorrisi e inchini“.

Non riesco a paragonare Emma a Orgoglio e Pregiudizio, ma Emma è comunque una bella storia d’amore che ci regala momenti e ambienti d’altri tempi, racconti che impreziosiscono la nostra vita.

Le trapassò la mente, con la rapidità di una freccia, l’idea che Mr. Knightley non poteva sposare altra donna che lei!

 

P.S. Come vi dicevo qui, sono andata in libreria, ma non ho trovato tutto quello che cercavo.
Ora sono divisa a metà tra le poesie (di Franco Arminio e di Chandra Livia Candiani) e le parole (Bradbury).
Ma sono sempre in cerca di un altro libro, che vi dirò.

Iscrivetevi alla newsletter se volete notizie di sempre nuovi consigli di libri-terapia, oppure seguite My Therapy sui social (sulla home in alto a destra trovate i pulsanti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *