Casa Terapia

S0812-Home-Sweet-Home-Tree-Unmounted-Stamp

La “casa” dei miei sogni somiglia tanto alla casa di De Gregori. Né ferro, né cemento, né tetto, né pavimento, solo quattro porte per far entrare il cane, dovesse aver paura dei temporali.

Di legno e di cartone, meglio ancora di carta pura, da scrivere, tutta da scrivere.

Senza inizio e senza fine, piuttosto sul confine, sulla linea imprecisa che mi separa dal mondo, sempre indecisa se star meglio da soli o nel mondo, meditando o ascoltando musica di sottofondo, giocando o correndo, scrivendo o leggendo.

Quattro rose, noi quattro, quattro spine, quattro paure sempre dietro l’angolo di casa, che raccontano la vita e l’amore, da portare dentro al cuore.

Le vigne nel verde, il vino e il campo, la terra e il sole, più fuori che dentro.

La scommessa, dunque, è che io voglio amare sempre la mia casa e quel che c’è dentro e ci gira intorno.

La scommessa è, infine, prendermi cura della mia casa di fuori (mura, mobili, ordine e pulizia) con la stessa intensità con cui mi occupo della mia casa di dentro (anima e cuore, pensieri e sogni).

Vinco la scommessa ogni volta che rientro a casa e mi sento bene, meglio, al sicuro, circondata da tutto questo amore e da tutti questi libri.

Giuliana

Libri che parlano di CASA:

Spaceclearing, libera il tuo spazio trasforma la tua vita
Manuale di pulizie di un monaco buddhista

Torna alla home

5 pensieri su “Casa Terapia

  1. E infatti…mi soffermo anch’io a riflettere mentre ascolto “la descrizione di un attimo”…in questo periodo con “casa facile “sul comodino…ma chissà perchè vorrei ribaltarla questa casa, a volte troppo grande anche…senza le cene con le mike..casa piena di voi! All’inizio motivo da farmi diventare triste, avrei sempre voluto una casa tanto grande per invitarvi sempre tutti e ora…ora che l’avevo voi non c’eravate. Ho sempre cercato di farla diventare mia, che si sentiva dentro il carattere di mia suocera (oddio) e allora via con l’arancione, il giallo e tante piante, il calore del vimini e i giochi sparsi. Grazie ai miei figli ora anche piena di amichetti e mamme!

    • “Home” dei miei sogni è fatta anche da tutto ciò che abita il mio cuore e certe distanze non possono niente.
      Love you

  2. La casa, piccola o grande che sia, arredata da altri, desiderata e non ancora raggiunta.. in fondo sono 4 mura mi sono sempre detta, eppure nella mia vita ancora nomade a quasi 40 anni con una figlia al seguito in su e in giù per la Toscana, casa non è quella dove abito, casa non è più neanche quella dei miei genitori, casa è quella cosa desiderata che spero presto sarà mia (anche se finché non sarò davanti al notaio e non firmerò quel rogito non ci crederò..) è il luogo che forse finalmente mi farà dire ok forse mi fermo.. per un po’ perché in fondo casa è anche e soprattutto lì dove è il tuo cuore, i tuoi ricordi, i tuoi amici, il tuo “codice fiscale” che te lo ricorda sempre e che hai voluto fortemente fosse anche in quello di tua figlia.. L117.. ma casa sono anche quelle montagne, gli unici 4000 italiani, quel Gran Paradiso innevato che ti riempie il cuore e ti fa sentire che c’è sempre una vetta da raggiungere e a cui aspirare e poter dire “ce l ‘ho fatta! il mondo da quassù è una meraviglia ancora più grande!”. Grazie ai ciclamini!

    • Dentro al tuo cuore, dentro agli occhi di tua figlia, dentro il profumo dei ciclamini, dentro a un messaggio su un sito che ti fa sentire qualcuno lontano, vicino.
      <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *